Diagnosi auto Tecnica auto Training Tutorial auto

Problematiche alla fasatura del motore Valvetronic

Lettura stimata: 4 minuti

Vogliamo parlare di una possibile problematica che si può presentare su Peugeot 207 1.4 16V con codice motore (8FS) EP3, la quale può essere interessata da uno scarso rendimento accompagnato dall’accensione della spia anomalia e da una rumorosità anomala del motore.

Il motore in questione è stato sviluppato grazie ad una joint venture tra BMW (di cui la Mini fa parte) e il Gruppo PSA (Peugeot-Citroen). Questa collaborazione ha permesso lo sviluppo di tale motorizzazione, dotata di tecnologia Valvetronic, e montata su diverse vetture che vediamo spesso circolare sulle nostre strade. Questo motore è impiegato in alcune vetture Peugeot-Citroen e sulla gamma BMW-MINI.

Prima di proseguire con l’esposizione della problematica, facciamo un breve riassunto per descrivere il concetto di motore con tecnologia Valvetronic, anche perché se ne sente parlare sempre più spesso su Internet o tra gli addetti del settore automotive.

Il termine Valvetronic indica una tecnologia motoristica sviluppata e introdotta da BMW per ottimizzare ulteriormente le prestazioni del motore, ma soprattutto per minimizzare i consumi, con la conseguente riduzione delle emissioni inquinanti per l’ambiente, in modo da poter rientrare nelle normative antinquinamento sempre più restrittive. Il sistema Valvetronic è stato installato per la prima volta sulla BMW Serie 3 E46 nel 2001, e nello specifico sul modello 316ti. Si tratta dell’evoluzione del sistema Vanos, che prevedeva la fasatura variabile dello schema di distribuzione (tramite due attuatori elettrici che, inviando olio all’interno di due sfasatori sugli assi a camme di scarico e aspirazione, permettevano di variare la fase di questi ultimi). A quest’ultimo sistema è stata aggiunta la possibilità di modificare anche l’alzata delle valvole di aspirazione, con una variazione di alzata che può andare da 0,25 mm a 9,80 mm. Questo permette di far funzionare il motore anche senza la classica farfalla sull’aspirazione, che però è ugualmente presente con compiti minori, essa, infatti, viene comandata solo in determinate condizioni per migliorare l’aspirazione dei vapori dell’olio e dei vapori della benzina. Inoltre viene anche comandata come una classica farfalla aspirazione in caso di guasto al sistema Valvetronic.

Le valvole di aspirazione sono azionate mediante un albero eccentrico a regolazione elettrica, il quale modifica l’azione dell’albero a camme sul bilanciere mediante una leva.  In questo modo si rende possibile variare l’alzata delle valvole.

Ricordiamo che l’argomento Valvetronic era stato trattato ai seguenti link https://www.riparando.it/tecnica/sistema-valvetronic-bmw-parte-prima/2010/11/ https://www.riparando.it/auto/sistema-valvetronic-bmw-parte-seconda/2010/11/

Operata questa breve “infarinatura” in materia di Valvetronic, dopo aver capito quindi che per ogni albero a camme c’è uno specifico attuatore elettrico comandato dalla centralina iniezione motore che varia la posizione del proprio albero in relazione ai parametri stabiliti dalla mappatura, torniamo al problema della nostra 207. Su tale veicolo è stato diagnosticato, con uno specifico strumento di diagnosi elettronica, il codice guasto P11A8 con la relativa descrizione “regolazione albero a camme scarico plausibilità”. Da quest’ultimo dato possiamo dedurre che la fasatura distribuzione non è corretta, ulteriore conferma di questa problematica è la rumorosità di battito metallico.

Dalla nostra esperienza nel settore dell’autoriparazione, queste difettosità si presentano spesso nei propulsori con comando della distribuzione a catena, e si presentano in un contesto dove risulta che la manutenzione programmata non sia stata eseguita regolarmente, e secondo quanto previsto dalla casa madre, oppure siano stati impiegati lubrificanti con caratteristiche non approvate dal costruttore. In questi casi il problema può manifestarsi anche a chilometraggi relativamente bassi. Sono stati riscontrati diversi casi in cui la manutenzione mal eseguita ha portato usure precoci dei pattini tendicatena e anche problematiche di allungamento della catena di distribuzione. Possiamo concludere a questo punto che, occorre controllare la corretta fasatura del motore seguendo le indicazioni specifiche per questa motorizzazione e valutare eventualmente la sostituzione dell’intero kit distribuzione completo anche di pattini tenditori.

Si ricorda nuovamente, per qualsiasi motore, l’importanza di utilizzare l’olio appropriato, il quale, avendo le stesse specifiche richieste dalla casa madre, sarà l’unico a garantire protezione, lubrificazione e una lunga vita al motore.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *