Tutorial

Avaria Airbag Classe A: ecco come risolvere i codici errore

Lettura stimata: 4 minuti
Avaria Airbag Classe A ecco come risolvere i codici errore

Codici insoliti su airbag Classe A? Niente paura, i nostri tecnici hanno analizzato e risolto. Ecco come…

Lo sappiamo, l’accensione della sola spia degli airbag allarma ogni guidatore. Ed essendo un sistema di sicurezza è necessario agire con prontezza ed assoluta certezza della riparazione.

Mercedes Benz: modelli interessati

Ecco le auto principalmente interessate a tale avaria:

  • Classe A modello 176
  • Vecchia e la nuova Classe B modelli 242 e 246
  • CLA modello 117
  • Classe C modello 205
  • Terza versione della Classe M modello 166

Spia avaria airbag Classe A: codici guasto

Sul quadro strumenti appare la spia di avaria airbag accompagnata dai seguenti codici guasto in memoria difetti della centralina, rilevati con strumentazione commerciale:

B800313: errore circuito innesco 2 interrotto.

B00022b: il detonatore per l’airbag del conducente (livello 2) presenta un’anomalia di funzionamento. I cavi elettrici presentano un cortocircuito reciproco.

B000112b: il detonatore per l’airbag del conducente (livello 1) presenta un’anomalia di funzionamento. I cavi elettrici presentano un cortocircuito reciproco.

ATTENZIONE: Tutti i codici vengono resettati in memoria ma si presentano di nuovo alla riaccensione del veicolo, e fanno riferimento al modulo airbag del guidatore, che su queste vetture è a doppio stadio (ovvero doppia carica esplosiva).

Avaria Airbag Classe A

Ecco cosa devi controllare

In questi casi, il primo parametro da controllare in diagnosi con la centralina airbag sono le resistenze del modulo airbag guidatore. che infatti su tale componente sono due distinte.

IMPORTANTE Se vengono letti dei valori al di sopra di 2,5 ÷ 3 Ohm, il bag potrebbe essere guasto.

Una controprova al controllo effettuato la si può fare utilizzando due resistenze campione, dello stesso valore di 2,5 ÷ 3 Ohm, da inserire lato cablaggio, e verificando di nuovo in diagnosi i valori delle resistenze del modulo. Se i parametri letti tornano a essere corretti, allora il modulo è, con buona probabilità, da sostituire.

Attenzione però, perché il caso potrebbe non essere così semplice

Codici guasto “commerciali” e “originali”

I codici guasto prima elencati sono la “versione” di una diagnosi commerciale dei seguenti codici originali Mercedes, che possono risultare in contemporanea oppure singolarmente:

B000113: la capsula di innesco per l’airbag conducente (fase 1) presenta un’anomalia di funzionamento. È presente un interruzione;

B000213: la capsula di innesco per l’airbag conducente (fase 2) presenta un’anomalia di funzionamento. È presente un interruzione.

Ciò non è causato dal modulo airbag ma da un difetto del connettore della porzione di cablaggio tra il fascio cavi dell’abitacolo e il gruppo di componenti elettrici sul volante, che passa all’interno del rivestimento in plastica del piantone, come evidenziato nell’immagine:

Ubicazione connettore difettoso AVARIA AIRBAG CLASSE A

Le spinette del connettore risultano deformate e alterano la resistenza totale del bag guidatore, codificando quindi in diagnosi gli errori appena visti.

Ecco perché dovresti intervenire sulla connessione

Occorre allora intervenire direttamente sulla connessione.

Avaria Airbag Classe A Blocco spinette

  • Disimpegnare dapprima il blocco delle spinette di collegamento:
  • Tramite l’apposito attrezzo, staccare quindi i contatti dei pin 8, 9, 10 ed 11, avendo cura di intervenire su un cavo alla volta onde evitare pericolosi scambi di cablaggi.

A questo punto:

  • Sostituire le spinette (che vengono fornite a ricambio con i relativi capicorda)
  • assemblare da capo il connettore
  • reinserire il blocco sui contatti
  • rimontare tutti i componenti rimossi

È chiaro che ora sarà possibile cancellare in via definitiva i codici guasto prima rintracciati, ripristinando la completa funzionalità del sistema airbag.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *