Diagnosi auto Non categorizzato

Problematica Smart MHD

La parola “microibrido” abbraccia ognuna delle diverse tipologie di impianti Start & Stop esistenti sul mercato, e proprio questo aspetto deve essere ben evidenziato: NON esiste un unico sistema Start & Stop! Esiste infatti il sistema classico, in cui la vettura arresta il motore nelle situazioni di sosta, e il sistema più evoluto, in cui alla funzione di Start & Stop si affianca anche il recupero energia in frenata. Il principio di base della tecnologia Start & Stop è sempre lo stesso, intorno al quale orbitano però delle varianti costruttive e delle strategie diversificate a seconda del costruttore. Ormai i sistemi Start & Stop vengono montati da ogni casa automobilistica, e ciascun costruttore sceglie di quale impianto dotarsi (Bosch, Denso, Valeo…).
Oggetto dell’attuale analisi è il sistema microibrido che equipaggia la vettura Smart mhd, targato Valeo e denominato St.A.R.S. (Starter Alternator Reversible System).
In questa vettura la funzione di spegnimento e riavvio del motore è affidata ad un sistema composto da un moto-alternatore, che svolge contemporaneamente la funzione di motorino d’avviamento e alternatore (Fig. 1).

Fig. 1 – Moto-alternatore sistema St.A.R.S.

A tal proposito mettiamo in evidenza fin da subito che la vettura non presenta un classico motorino d’avviamento: sia gli avviamenti automatici (funzione Start & Stop) che quelli manuali da chiave, sono effettuati dal gruppo moto-alternatore mediante cinghia. La coordinazione delle due modalità di funzionamento del moto-alternatore è affidata ad una “centralina del moto-avviamento” (Fig. 2)

Fig. 2 – Centralina del moto-avviamento su Smart mhd

Più in dettaglio: quando la vettura si trova a dover effettuare l’avviamento del motore, la centralina del moto-avviamento coordina le tre fasi necessarie per la generazione del campo magnetico statorico del moto-alternatore, questo sulla base di un sensore di posizione interno al moto-alternatore stesso che fornisce l’informazione sulla posizione del rotore, al fine di generare “in fase” le tre fasi del cablaggio di potenza.

Quando invece la vettura si trova in moto, la centralina del moto-avviamento si occupa di trasformare la tensione alternata generata dal moto-alternatore in tensione continua 12 V da inviare alla batteria attraverso il terminale B+.

In Fig. 3 è possibile notare l’andamento di due delle tre fasi generate dal moto-alternatore a veicolo in moto. Si noterà che non si tratta di tensione propriamente alternata, bensì pulsante.

Fig. 3 – Andamento delle tensioni in due dei tre cablaggi di potenza trifase

 

Le tre fasi presentano questo profilo sia che si tratti di ricarica, sia che si tratti di avviamento, e la costruzione del profilo di ogni fase viene eseguita sulla base di tre segnali che la centralina riceve sui pin D4, E4 e F4, secondo quanto raffigurato nello schema di Fig. 4.

Fig. 4 – Schema elettrico del moto-avviamento

 

La strategia della vettura prevede che se la centralina del moto avviamento non riceve tutti i segnali da questi tre pin, l’avviamento non può avvenire, sia che si tratti di avviamento manuale da chiave, sia che si tratti di avviamento automatico per la funzione Start & Stop.

Succede allora che un danneggiamento del connettore in questione, sul moto-alternatore, porti alla messa fuori uso del sistema, e alla totale impossibilità di avviare la vettura. In Fig. 5 viene mostrato il cablaggio in questione, ubicato direttamente sul moto-alternatore, nel vano motore posteriore.

Fig. 5 – Moto-alternatore St.A.R.S., danneggiamento del connettore di comunicazione con centralina del moto-avviamento

Dato che nel connettore in questione questo tipo di difettosità è frequente, può accadere molto spesso di trovarsi con la vettura in cui non è possibile la messa in moto.

Basta allora ripristinare il cablaggio e cancellare il codice guasto inevitabilmente apparso in diagnosi per far si che il sistema torni a funzionare correttamente.

In tal proposito è bene segnalare che, in sede di diagnosi, entrare in comunicazione con la centralina motore non è d’aiuto, dato che il sistema prevede la centralina del moto-avviamento separata da quella motore. Pertanto qualunque codice guasto relativo al sistema St.A.R.S. risulterà presente in centralina “moto-avviamento”

In particolare, quando si presenta il problema, i codici guasto rilevabili in diagnosi centralina moto-avviamento sono i seguenti:

  • “0A4B – Sensore posizione alternatore
  • “065C – L’alternatore è bloccato

L’ultimo errore in diagnosi si presenta anche quando si tenta la messa in moto con il connettore rotto.

28 commenti
  1. LUCIANOM
    LUCIANOM dice:

    Buongiorno,
    volevo ringraziarti per le info. Nello specifico ho avuto problemi con la mia smart, per ben due volte l’ho portata dal meccanico perchè non partiva. Prima mi avevano detto che poteva essere il sistema start&stop, e poi la batteria. Ma dopo aver verificato il computer non dava nessun errore.
    Navigando in internet ho letto il tuo post e ne ho parlato con il meccanico, e in effetti aveva uno dei 3 pin quasi staccato!
    Quindi ora la smart va bene e ci tenevo a ringraziarti!

    Rispondi
    • Mirko
      Mirko dice:

      Salve,

      A nome della redazione di Riparando, ti ringrazio per la segnalazione e ti esprimo soddisfazione per essere stati utili alla risoluzione del tuo problema.
      Continua a seguirci.

      Grazie
      Mirko

      Rispondi
  2. Simone
    Simone dice:

    Ho questo problema sulla mia smart mhd, ho acquistato il connettore nuovo Mercedes modificato leggermente più lungo. Montato a perfezione sui fili ma il problema è tra il terminale e la presa valeo… con le buche comunque mi si accende la spia arancione dell’s&s e devo aprire dietro e toccare lo spinotto.
    Sono costretto a cambiare alternatore o si può trovare una soluzione? L’attacco si può smontare dal volano?
    Grazie

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve Simone e grazie per il tuo commento. Dalla descrizione del problema che ci sottoponi non è possibile risalire all’effettiva causa del difetto senza visionare la vettura. Ti consigliamo pertanto di recarti presso un’officina di fiducia. Un saluto dalla Redazione 🙂

      Rispondi
      • simone
        simone dice:

        Alla fine ho dovuto sostituire il motoalternatore… era quello che mandava il segnale di KO allo start&stop con lampeggiamento della spia arancione ECO.
        Il meccanico ne ha acquistato uno commerciale con cinghia già modificata che non strappa!
        Prezzo pagato manodopera compresa 750 euro!
        Ora la macchina va benissimo .-)

        Rispondi
        • Redazione
          Redazione dice:

          Ciao Simone, siamo contenti che tu sia riuscito a risolvere il problema sulla tua auto! Grazie per averci aggiornato e continua a seguire i nostri approfondimenti

          Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Ciao Manuel, grazie per averci scritto.
      Il cablaggio e il connettore menzionati nell’articolo si possono richiedere in casa madre. Ricordiamo che la stessa casa madre fornisce un cablaggio adeguatamente modificato per sopperire alla problematica citata.
      Un cordiale saluto dalla Redazione 🙂

      Rispondi
  3. stefano
    stefano dice:

    Buonasera, vorrei sapere dove posso reperire il cablaggio modificato ( tipico guasto della mhd) per alternatore della smart mhd 451 cabrio del 2008. Grazie.

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve, il cablaggio modificato ci risulta essere esclusivamente un prodotto originale, il cui codice ricambio OE è il seguente: A132150033. La invitiamo, pertanto, a rivolgersi a un rivenditore di ricambi di sua fiducia. Un saluto dalla Redazione

      Rispondi
  4. Emanuel
    Emanuel dice:

    Salve,
    Ho un problema di questo genere, il mio vecchio spinotto ha 5 fili quello nuovo che ho comprato ne ha 6…
    Come posso cablare i fili essendo anche di colori diversi?

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve Emanuel e grazie per il suo commento. Ai nostri tecnici sembra strano che il suo vecchio connettore sia a 5 fili in quanto – come risulta sulla vettura indagine dell’articolo – il connettore dei sensori di posizione dell’alternatore è già a 6 fili, dei quali uno però non collegato (il pin n° 6 per la precisione). Un cordiale saluto.

      Rispondi
  5. Pino
    Pino dice:

    Te sei una persona speciale….sono venuto matto a capire cosa poteva essere. Era proprio un filo dell’alternatore rotto…l’ho saldato e partita alla prima.
    Grazie di cuore

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Grazie del suo apprezzamento, felicissimi di averla aiutata con il nostro approfondimento! Continui a seguirci. Un cordiale saluto.

      Rispondi
  6. Francesco
    Francesco dice:

    Lamia Smart MHD 1000 anno 2010 parte a singhiozzi e scoppietta e come se fosse fuori fase e delle volte parte normale va bene però a minimo va male singhiozza potete aiutare grazie

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Grazie Francesco per il suo commento. Il singhiozzo e lo scoppiettio durante la partenza sono determinati potenzialmente da candele in cattivo stato, oppure da un insufficiente pressione benzina. Non è da escludere, poi, un controllo anche alla fase motore. È importante, infine, considerare anche lo stato manutentivo generale della vettura. Un saluto.

      Rispondi
  7. Nunzio
    Nunzio dice:

    Buonasera a breve acquisterò una smart 451 mhd ultimo restayling 2013/2014 il problema dello start e stop è stato risolto? Ha la modifica già apportata sul connettore?
    In base alla mia conoscenza questa versione restailyng del 2013 sn state fatte migliorie sul sistema esp abs sensore angolo sterzo ma può avere il problema sull’allternatore star e stop
    Grazie

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve Nunzio, grazie del suo contributo. Per quel modello di Smart, in base ai dati che abbiamo, rimane ancora presente il problema relativo al cablaggio del connettore a 6 fili dell’alternatore, per altro ufficialmente riconosciuto dal costruttore. Se vuole avere informazioni più ampie e certe, le chiediamo se può inviarci almeno la targa della vettura, cosa che naturalmente dovrà fare in forma privata per rispetto della privacy, scrivendo una mail al seguente indirizzo: redazione@riparando.it. Cordiali saluti

      Rispondi
  8. Alessandro
    Alessandro dice:

    Salve! Ho una Smart 451 mhd! Da un po’ di tempo mi fa un difetto! Quando prendo la macchina di mattina devo fare un bel po di tentativi di messa in moto! Insistendo va in moto tranquilla! Poi se la spengo e la metto in moto va subito in moto! Poi se resta tipo 6 ore ferma fa lo stesso problema! Può essere l’alternatore?

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve e grazie per il suo commento. Un problema di avviamento come quello che ci descrivi può essere legato – in prima battuta – a una batteria non più efficiente. Sebbene la batteria in questione sia di tipo “AGM”, quindi molto potente e resistente, non è da escludere che con il tempo si sia usurata. Inoltre, secondo i nostri tecnici, il problema potrebbe essere effettivamente collegato con l’alternatore, in quanto potrebbe non caricare a sufficienza la batteria.
      Ciò può dipendere:
      > Da un guasto all’elettronica dell’alternatore stesso (il regolatore di carica), oppure
      > Da una cinghia che tende a “slittare”, e ciò può dipendere a sua volta dal tenditore o dall’usura della cinghia stessa, componenti entrambi parecchio sollecitati.

      Infine, il sistema di ricarica della batteria montato su quel modello di Smart viene gestito da una centralina specifica, per cui non è da escludersi un problema anche su questa unità elettronica. Un cordiale saluto

      Rispondi
  9. Angelo Sala
    Angelo Sala dice:

    Buongiorno Massimiliano,
    Vorrei usare il motogeneratore di una C3 (del tutto uguale a quello della Smart in oggetto) per avviare un motore da corsa per poi usarlo anche come alternatore. Ho già procurato l’alternatore Valeo, sto cercando la cenrtalina start&stop ma non trovo la referenza per ordinare il cavo delle tre fasi che collega lo starter alla centralina. Ho visto dalla seconda foto dell’articolo che la connessione è uguale a quella della Smart, gentilmente potrebbe darmi la referenza per l’acquisto di questa parte di cablaggio?
    Grazie,
    Angelo

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve Angelo, per quanto riguarda il componente da lei richiesto la invitiamo a rivolgersi presso un qualsiasi autoricambi, dove sarà possibile, tramite l’esploso dell’impianto, risalire al codice ricambio. Un saluto e continui a seguirci

      Rispondi
  10. Salvo
    Salvo dice:

    Buongiorno, nella mia smart 451 del 2009, ho dei problemi relativi allo start e stop. Funziona tutto nella maggior parte dei casi, ma dopo ad esempio an una sosta al semaforo di 1 minuto o più la macchina quando riparte e del tutto ingolfata e si spegne dopo circa 10 secondi. Se poi la spengo e la faccio ripartire lo fa tranquillamente. quindi ricapitolando lo s&s non fa partire il motore correttamente dopo soste un pò più lunghe, si ingolfa appunto. Grazie per l’aiuto e complimenti per la vostra professionalità.

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Ciao Salvo, grazie del tuo commento. Lo S&S è molto sensibile alla carica della batteria, quindi nelle soste più lunghe, dove rimangono per più tempo accesi gli utilizzatori elettrici a bordo veicolo (fari, radio ecc.), una batteria un po’ sofferente può indurre un avviamento difficoltoso. Però, secondo i nostri tecnici, il motore che si “ingolfa” potrebbe essere la conseguenza anche di altro, quindi è bene effettuare una diagnosi elettronica in centralina motore per accertare eventuali problemi di altra natura. Un cordiale saluto

      Rispondi
  11. Massimo
    Massimo dice:

    Buongiorno, per fortuna dopo una ricerca spasmodica di una soluzione, anche insieme al mio meccanico di fiducia, con il vostro consiglio sembra sia risolto. La macchina, 451 MHD del 2009, in modo casuale rifiutava di avviarsi pur avendo la batteria carica. La diagnostica del meccanico rivelava un errore 065C che 8ndicava una gene8anomalia alla centralina comando alternatore e avviamento ma nulla più. Seguendo il vostro consiglio ho lubrificato con spray per contatti il connettore in questione e la vettura è partita al primo colpo. Spero che il problema non si ripresenti ma se anche fosse saprei già come intervenire. Vi ringrazio.

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve Massimo e grazie per la tua bella testimonianza! Leggere quanto ci riporti è per noi motivo di orgoglio e una spinta s migliorare, con l’obiettivo di dare sempre suggerimenti tecnici utili e funzionali. Un caloroso saluto e continua a leggere Riparando 😉

      Rispondi
  12. RENZO
    RENZO dice:

    Buonasera, Smart 451 mhd presenta seguente difetto: il cliente ha riferito che la vettura per due giorni ha ha avuto sporadiche accensioni spia alternatore accesa, dopo la sostituzione della batteria AGM e un controllo con tester e diagnosi alternatore caricava 14V, la vettura ha viaggiato per altri due giorni con sporadiche accensioni spia Start & Stop dopodiché non si è più avviata. Dal controllo dello stato di carica della batteria risultava scarica con errore in diagnosi P0A4B Circuito sensore posizione alternatore, ricaricato batteria e controllato cablaggio e fili segnale motoalternatore risulta integro.

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Salve Renzo, grazie per il tuo commento. Il codice guasto che è stato rilevato è molto specifico e si riferisce in maniera inequivocabile all’assenza di uno dei segnali del posizionamento del motoalternatore (come descritto anche nell’articolo), per cui il problema è legato a uno dei cablaggi danneggiati del connettore con 5 fili. Dal momento che connettore e cablaggi sono già stati controllati esternamente, ci potrebbe allora essere un possibile danno interno. Quindi il consiglio dei nostri tecnici è quello di far passare provvisoriamente un cablaggio nuovo per verificare se il problema scompare. Se invece si continua ad avere la medesima problematica, occorre verificare lo stato della cinghia di trasmissione che, in caso di particolare usura, potrebbe dare origine all’avaria che ci descrivi. Un cordiale saluto e continua a seguirci

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *