Non categorizzato Perizie

Occlusione degli ugelli di raffreddamento pistone.

Lettura stimata: 3 minuti

Di seguito esponiamo parte di una perizia effettuata su un motore Mercedes, tipo 611.980.

Il propulsore in questione è stato fornito rettificato ad un’officina, e pochi chilometri dopo l’installazione ne è stato lamentato un difetto di funzionamento.

Difetto lamentato:

Con veicolo in marcia, il motore si è spento senza più avviarsi.

Analisi Tecnica visiva

1) L’analisi è iniziata col rimuovere la testata, la quale non ha presentato difetti associabili al difetto lamentato.

2) Nel primo e secondo cilindro invece sono stati notati segni di grippaggio. Si è quindi proceduto con lo smontaggio della parte inferiore del motore. Di seguito i segni evidenti di interferenza tra cilindri e pistone:

3) Non sono stati riscontrati segni che potessero imputare il problema riscontrato ad un’insufficienza d’olio/utilizzo di olio non conforme alle specifiche: le bronzine di biella e quelle di banco infatti non mostrano segni di mancata o errata lubrificazione. Il loro stato, inoltre, rivela il limitatissimo chilometraggio eseguito dal propulsore in esame.

4) Infine è stata effettuata un’analisi accurata su tutto il circuito di lubrificazione: tappando opportunamente i vari passaggi e introducendo dell’aria compressa nel circuito si è riscontrato un occlusione degli ugelli di raffreddamento del primo e del secondo cilindro. Questa ostruzione è stata anche appurata con una pompa Mityvac come mostrato nelle seguenti foto: gli unici ugelli collegando i quali è stato possibile creare depressione sono quelli relativi al primo e secondo cilindro.

Esito analisi tecnica

Dall’esame effettuato in precedenza, il problema lamentato è imputabile al grippaggio del I e del II cilindro, causate dall’otturazione degli ugelli di raffreddamento dei corrispondenti pistoni.

Conclusioni

Con molta probabilità il motore in questione è stato assemblato senza tener conto di tutte le accortezze necessarie. Non avendo riscontrato tracce di detriti nel lubrificante né nel filtro della pompa dell’olio, si ipotizza infatti che i residui che hanno ostruito il passaggio fossero già presenti nel circuito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *