Auto Diagnosi auto Tecnica auto

Il freno di stazionamento elettrico sulla Volkswagen Passat.

Lettura stimata: 4 minuti

L’impiego da parte delle case costruttrici dei sistemi elettrici sui freni di stazionamento è sempre più diffuso. Vediamo le procedure di  manutenzione sugli elementi frenanti quando sono presenti questi particolari dispositivi, prendendo ad esempio la Volkswagen Passat.

Il principio di funzionamento dell’EPB (Electric Parking Brake) è analogo al sistema tradizionale del “freno di stazionamento”, con la differenza che nella struttura meccanica non alloggiano più dei tiranti di acciaio protetti da guaina (es. Renault Scenic con centralina elettronica ma tiranteria tradizionale),  e la gestione dell’impianto è affidata completamente all’elettronica. Una centralina, tramite sensoristica, elabora e attua specifiche operazioni per la corretta funzionalità del sistema, controllando la vettura sia in situazioni statiche (es. vettura parcheggiata in salita), che (es. vettura in frenata di emergenza con l’aiuto del freno di stazionamento).

Il gruppo pinza è composto da un motore elettrico a corrente continua che, attraverso una cinghia elastica, trasmette il suo movimento ad una serie di ingranaggi con opportuno rapporto di trasmissione (riduttore),  movimentando un pistone che serra le pastiglie freno sul disco.

LEGENDA:

1 – Ruotismo a disco obliquo.

2 – Pistoncino.

3 – Motore elettrico.

4 – Cinghia dentata.

Il controllo del serraggio viene effettuato dalla centralina EPB sulla base dell’assorbimento in corrente del motorino elettrico, ciò al fine di evitare forzature anomale sul sistema a ingranaggi, e la conseguente avaria dell’impianto. Per interagire con la centralina occorre uno strumento di diagnosi con apposita funzione “EPB”, che sia grado di diagnosticare i parametri in tempo reale del sistema, e che contenga le  funzioni di test attuatori, allo scopo di accertare il corretto funzionamento dei componenti del sistema.

Di seguito si riporta la procedura di sostituzione delle pastiglie freno posteriori della VW Passat, ed in particolare le attività da svolgere dopo aver eseguito tutte le operazioni di routine per accedere alla pinza freno posteriore:

1)     Accertarsi che il freno di stazionamento sia disinserito, ed il veicolo sia adeguatamente immobilizzato.

2)     Collegare lo strumento di diagnosi e, selezionata la vettura, cercare la funzione riguardante il freno di stazionamento elettrico.

n.b.

La dicitura del sistema, o il posizionamento dello stesso all’interno del programma,  può subire delle variazioni  in funzione della marca dello strumento di diagnosi utilizzato

Es.: FRENO DI STAZIONAMENTO ELETTRICO

EPB

ELECTRIC PARKING BRAKE

3)     Selezionare di seguito la pagina TEST ATTUATORI

4)     Procedere con l’operazione APERTURA PINZE

Quest’operazione è facilmente riconoscibile dal rumore che si udirà nel momento in cui strumento di diagnosi porterà il pistone della pinza freni alla totale apertura.

5)     Procedere alla sostituzione delle pastiglie.

6)     Effettuata la sostituzione delle pastiglie, procedere alla chiusura della pinza tramite la funzione presente nei test attuatori “CHIUSURA PINZE”; a questo punto la centralina effettuerà un test sul sistema procedendo, durante l’accostamento del pistone, ad un serraggio fino alla massima pressione di spinta, per poi far retrocedere il pistone di nuovo fino alla totale apertura, ed infine riportarlo alla posizione di non serraggio.

n.b.

Se nel sistema è presente un’avaria, per ragioni di sicurezza lo strumento non permette l’apertura delle pinze.

Ecco come potrebbe apparire la schermata dello strumento di diagnosi:

Se non si dovesse disporre della funzione nel proprio strumento di diagnosi, esistono dei strumenti che sono dedicati prettamente alla procedura di sostituzione delle pastiglie posteriori su vetture equipaggiate con questo sistema. La loro unica funzione riguarda l’apertura delle pinze, e una diagnosi semplificata di eventuali errori nell’impianto, segnalati solamente dall’accensione di alcuni LED sopra lo strumento; tali strumenti operano tramite la presa diagnosi OBD.


2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *