Diagnosi

Fiat Freemont: Problemi Con I Sensori Di Temperatura

Lettura stimata: 4 minuti

Sensori di temperatura: scopri guasti, i codici errori e come risolvere le più comuni anomalie.

Gas di scarico DPF per vetture diesel

Torniamo a parlare del sistema di trattamento dei gas di scarico DPF per vetture diesel, causa pressoché inesauribile di fermi vettura e varie problematiche.

In questo approfondimento vediamo cosa succede nel Fiat Freemont, equipaggiato con il motore 2.0 Jtdm II di seconda generazione da 170 cv.

Ricordiamo che Freemont è il SUV della casa torinese fratello gemello del Chrysler Journey.

Scopriamo le modalità con cui si presentano i guasti

Come noto, il sistema per il trattenimento e la rigenerazione del particolato è composto da un filtro DPF (o FAP per le vetture francesi) e da alcuni sensori di temperatura che ne controllano il corretto funzionamento, il tutto gestito dalla centralina motore. Sul Freemont il sistema si compone di:

  • Filtro antiparticolato, del sensore di pressione differenziale, che rileva tramite due prese la differenza di pressione fra ingresso e uscita del DPF
  • Sonda lambda
  • Sensore temperatura gas di scarico a monte del filtro

Sensore di temperatura gas di scarico

Come già descritto per i casi riguardanti altri costruttori (ad esempio Volkswagen‎), anche nel Freemont è proprio uno di questi sensori, in particolare il sensore di temperatura gas di scarico a monte del filtro DPF, che genera il blocco della rigenerazione dell’elemento filtrante e la condizione di recovery del propulsore.

Guasto al sensore di temperatura

Il guasto al sensore da origine a tre possibili codici errori diversi:

  • P2080
  • P042D
  • P042C

Sul quadro di bordo della vettura può verificarsi l’accensione della spia di avaria controllo motore (MIL) e, come detto, il guasto inibisce immediatamente la rigenerazione del DPF in quanto la centralina non riceve più informazioni riguardo la temperatura del gas di scarico in ingresso al filtro, parametro fondamentale per l’ottimale riuscita della combustione del particolato accumulatosi nel DPF.

A seconda del codice errore memorizzato in centralina, rintracciabile tramite uno strumento di diagnosi che supporti questa funzione, si possono avere guasti diversi.

Sensore di temperatura: codici errori

Il codice P042C viene originato da un corto circuito fra i due fili del sensore o verso positivo (+12 V).

Mentre se sul cablaggio si verifica un circuito aperto, l’errore memorizzato diventa il P042D. Se invece la centralina motore rileva che il segnale di temperatura gas di scarico trasmesso dal sensore non risulta essere plausibile (l’ECU motore confronta questa informazione con numero giri, pressione di sovralimentazione, carico acceleratore ecc.) il codice memorizzato è il P2080.

Codici errori più frequenti sui sensori di temperatura

I casi che si sono presentati con maggior frequenza riguardano i codici P2080 e P042D. In particolare, sono dovuti al fatto che solitamente il cablaggio del sensore si interrompe in prossimità del connettore intermedio in plastica, posizionato sotto al corpo del turbocompressore, come evidenziato nelle immagini.

La rottura avviene in prossimità del gommino anti infiltrazione acqua.

Sensori di temperatura su Fiat Freemont

Dettaglio Gommino anti infiltrazione acqua

Sensori di temperatura su Fiat Freemont

Dettaglio Gommino anti infiltrazione acqua

Come risolvere l’anomalia

L’anomalia viene risolta tagliando il vecchio cablaggio danneggiato in corrispondenza del corrugato di protezione, e aggiungendo un nuovo copri connettore denominato anche briglia, già provvisto di guaina termo restringente e connettore elettrico.

La porzione del nuovo cablaggio così composta si può reperire normalmente in autoricambi.

 

Vuoi porre una domanda all’autore dell’articolo?

Usa i commenti del post e saremo lieti di risponderti.

Vuoi suggerire una diagnosi che ancora non è stata effettuata su Riparando?

Inviaci il tuo suggerimento utilizzando l’apposito form

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *