Tutorial

Sostituzione Kit Frizione Opel Astra H: attenzione ai dettagli

Lettura stimata: 4 minuti
Sostituzione Kit Frizione Opel Astra H attenzione ai dettagli

Credi che la sostituzione kit frizione Opel Astra H sia semplice? Le manutenzioni sui cambi manuali, tendenzialmente, non presentano particolari difficoltà o procedure specifiche necessarie, invece, per cambi automatici e robotizzati. Ci si può imbattere, però, in alcuni imprevisti, come riporteremo in seguito.

La problematica si è presentata su alcune vetture Opel. In particolare tratteremo quanto avvenuto su di una Astra H GTC

Cod. motore Z19D.

Problema segnalato: volano

La macchina presentava problemi al volano a doppia massa, infatti si sentivano forti vibrazioni del motore che si ripercuotevano su tutta la scocca.

È stato perciò necessario sostituire il volano, il kit frizione autoregolante con il cuscinetto reggispinta idraulico.

L’operazione è stata svolta senza particolari inconvenienti, almeno fino alla prova su strada del veicolo.

Durante tale prova, infatti, sono state riscontrate delle anomalie nei cambi marcia. Soprattutto, nel funzionamento del pedale frizione.

Quest’ultimo, infatti, già da subito si comportava in maniera irregolare. Per effettuare un cambio di marcia, quando veniva premuto andava giù a fatica e, soprattutto, tornava indietro molto lentamente, al punto che la macchina restava in folle.

Cuscinetto o pompa frizione?

Il problema sembra proprio riguardare il cuscinetto della frizione. Come se continuasse a spingere il diaframma del meccanismo anche in fase di rilascio del pedale. Siamo andati perciò a verificare anche il funzionamento della pompa frizione, constatando che il problema non era lì.

Perciò è stato smontato di nuovo il cambio per controllare l’integrità dei componenti appena installati, ma questa ispezione non ha messo in evidenza anomalie particolari.

Ripercorrendo le operazioni svolte, poniamo una particolare attenzione al cuscinetto reggispinta idraulico, sospettando che la causa possa essere quest’ultimo, anche se appena sostituito.

Siamo andati a rimuovere il componente con la relativa tubazione idraulica fino al raccordo del tubo di mandata, in modo tale da poterlo confrontare con quello appena sostituito.

Guardando il vecchio cuscinetto ci siamo accorti che l’o-ring situato nella estremità della tubazione ingresso olio non era presente.

Tubazione idraulica cuscinetto reggispinta

Sostituzione kit frizione Riparando

Che fine ha fatto l’o-ring?

Siamo andati quindi a controllare il raccordo in plastica sul tubo di mandata dell’olio, per intenderci quello dove c’è in testa l’ugello di spurgo del circuito.

A prima vista, l’o-ring non sembrava essere presente all’interno del raccordo in plastica ma, una volta svitato l’ugello di spurgo, abbiamo inserito un piccolo perno sottile per verificare che non ci fosse nessuna ostruzione nel tubo.

È proprio grazie a questa operazione che abbiamo potuto riscontrare la presenza del vecchio o-ring all’interno del raccordo. Ad un primo controllo visivo ci era sfuggito, in quanto sia l’interno del raccordo che l’o-ring stesso sono di colore nero.

Raccordo in plastica con relativo o-ring

Raccordo in plastica con relativo o-ring

Dettaglio o-ring rimosso

Dettaglio o-ring rimosso Riparando

Il malfunzionamento della frizione era stato generato durante la riparazione del guasto precedentemente descritto al volano.

Nel rimuovere il cuscinetto reggispinta, il relativo o-ring era rimasto incastrato nell’estremità inferiore del raccordo in plastica sulla mandata olio.

Questo semplice o-ring “di troppo” impediva al fluido idraulico di tornare correttamente nel senso opposto, dopo essere stato messo in pressione per azionare l’avanzamento del cuscinetto reggispinta verso il meccanismo frizione.

Ecco perché la frizione era dura

Ecco spiegato il perché dell’indurimento del pedale frizione durante una scalata o dopo due tre azionamenti ripetuti del pedale frizione.

In pratica, a causa di questa ostruzione sulla tubazione (unica per mandata e ritorno), l’olio faceva molta difficoltà nel tornare, per cui il pedale frizione diventava non azionabile.

Conclusione

Concludendo, possiamo dire di essere stati fortunati nel non aver forzato il pedale, altrimenti il cuscinetto reggispinta sarebbe esploso a causa di un extra corsa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *