News

Vittime incidenti stradali in Italia: il 2018 fa registrare un calo

Lettura stimata: 3 minuti
vittime incidenti stradali - Anteprima Riparando

Vittime incidenti stradali: i dati che sono stati diffusi da ACI e ISTAT parlano chiaro e lasciano intravedere un miglioramento per quanto riguarda la sicurezza stradale in Italia.

Nel primo semestre 2018 è stato registrato un calo, sia di incidenti con lesioni che con vittime e feriti, rispetto allo stesso periodo del 2017. Vediamo i numeri nel dettaglio.

Ecco le stime ACI-ISTAT per il 2018

Prima considerazione: le stime non sono definitive perché basate su dati preliminari. Ovvero, si riferiscono al primo semestre del 2018, il periodo che va dal 1 gennaio al 30 giugno.

Inoltre, nel secondo semestre dell’anno il numero di incidenti con feriti e decessi è in media più elevato. Questo è semplicemente dovuto all’incidenza del periodo estivo durante il quale si presuppone circolino più veicoli.

Vittime incidenti stradali: i dati sono in calo

Nonostante la parzialità dei dati, il trend resta comunque positivo e questo fa ben sperare. Forse è il segnale che la sicurezza sulle nostre strade è in crescita!

I dati, infatti, evidenziano un calo rispetto allo stesso periodo del 2017 e non solo. Il trend positivo diventa più netto se si allarga il confronto anche al 2010 e al 2001.

vittime incidenti stradali - Riparando

Nel dettaglio, rispetto al 2017:

  • -3% di incidenti con lesioni
  • -8% di incidenti con vittime
  • -3% di incidenti con feriti 

Dunque, dal 1 gennaio al 30 giugno scorso gli incidenti stradali sono stati 82.942. In media, 460 al giorno e 19 ogni ora, che hanno causato 1.480 morti, 8 al giorno, e 116.560 feriti, 645 al giorno.

E poi, il calo delle vittime assume proporzioni diverse a seconda del tipo di strada:

  • -15,7% in autostrada
  • -8,3% su strade urbane
  • -7% su strade extraurbane

Dal 2001 al 2018, passando per il 2010

Le vittime della strada sono calate del 25% rispetto al 2010 e del 55% rispetto al 2001.

Questo primo semestre del 2018 avvicina l’Italia all’obiettivo europeo, ovvero la riduzione del 50% delle vittime della strada entro il 2020.

Progresso tecnologico e ADAS

Al giorno d’oggi, le case automobilistiche propongono (di serie o come optional) pacchetti di sistemi elettronici di assistenza alla guida.

Conosciuti come ADAS – Advanced Driver Assistance Systems, incrementano i livelli di comfort e sicurezza alla guida. Esempi di ADAS sono l’AEB (Frenata automatica di emergenza) oppure l’ACC (Mantenimento della velocità di crociera e della distanza).

Il progresso tecnologico applicato ai veicoli potrebbe aver inciso, dunque, sul calo del numero degli incidenti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *