News

Richiamo auto Audi per emissioni: il software di controllo sarebbe illegale

Lettura stimata: 2 minuti
Richiamo Auto Audi Anteprima

Richiamo auto Audi per emissioni: la notizia arriva direttamente dall’autorità tedesca dei trasporti. Secondo l’ente, infatti, la casa automobilistica del gruppo Volkswagen dovrebbe aggiornare il software per il controllo del motore.

Richiamo auto Audi per emissioni: 127mila veicoli da aggiornare entro il 2 febbraio

L’autorità federale tedesca dei trasporti – Kba – si è pronunciata in modo chiaro sulle automobili Audi. Il software responsabile del controllo delle emissioni non sarebbe infatti conforme alla legislazione corrente.

Il programma che testa il livello inquinante del motore va subito aggiornato.

Nello specifico, il caso riguarderebbe i modelli Audi A4, A5, A6, A7, A8, Q5 e Q7. Il software è presente nelle vetture di tipo diesel Euro 6. Questo richiamo si accorpa a quello risalente a luglio, che coinvolge 850mila veicoli delle serie V8 e V6 TDI. La risoluzione del problema riscontrato, con il dovuto aggiornamento del programma emissioni, dovrebbe avvenire entro il 2 febbraio.

Il dispositivo chiamato in causa è molto importante nell’ottica dell’inquinamento automobilistico. Il software, infatti, garantisce che il grado di emissioni – per esempio di ossido di azoto – rientri in quello previsto dai canoni di legge.

La casa tedesca e i precedenti interventi sulle emissioni

Non è il primo richiamo auto per emissioni per l’azienda tedesca. Già nel 2015, Volkswagen aveva subito uno stop per emissioni di ossido di azoto superiori di 40 volte i canoni di legge.

Inoltre, a novembre 2017 Audi aveva richiamato circa 5mila automobili in Europa del modello A8 a 4,2 litri V8.

Lo scopo era proprio sottoporre a ulteriori controlli il software responsabile della tenuta nei limiti delle emissioni inquinanti.

La politica generale del settore trasporti, dunque, sembra essere piuttosto attenta e severa sul piano ambientale e dell’inquinamento.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento