News Tutorial auto

Marciare Sulla Sinistra E Sorpassare A Destra: Da Qualche Parte È Normale

Lettura stimata: 4 minuti

Ecco tutto ciò che devi sapere prima di marciare sulla sinistra con la tua auto nei paesi anglosassoni.

Luglio, tempo di vacanze più o meno per tutti. Una meta sempre affascinante rimane il Regno Unito, sia dal punto di vista paesaggistico e sia dal punto di vista storico-culturale. Nel caso in cui si scegliesse di visitare questo Paese in macchina, è bene tenere a mente delle informazioni molto importanti per la sicurezza di tutti gli utenti della strada. E anche per non incorrere in poco gradite sanzioni.

Promemoria Prima Di Marciare Sulla Sinistra

Ovviamente, ci sono cose che potrebbero risultare scontate per molti lettori. Ma un promemoria per chiunque si ritrovi a guidare un veicolo con il volante “al posto del passeggero” è doveroso. Le regole di guida sono leggermente diverse da quelle a cui siamo abituati.

Innanzitutto, partiamo dal dire che sulle strade britanniche si deve tenere la sinistra. I sorpassi, dove consentito, si effettuano a destra. Informazioni abbastanza note, mentre una diversità da non sottovalutare è quella riguardante l’unità di misura della velocità.

Il sistema metrico anglosassone, infatti, non è lo stesso usato nel resto d’Europa. È per questo motivo che la velocità si misura in miglia orarie (mph) e non in kilometri orari (km/h).

La conversione è semplice, ma non immediata:

  • a 1 miglio corrispondono 1.6 km.

Perciò trovare un cartello rotondo bordato rosso con scritto 30 vuol dire che non ci possiamo spingere oltre i 48 km/h.

  • I limiti di velocità sono leggermente diversi da quelli previsti per le strade italiane:
Marciare sulla sinistra: limiti di velocità nel Regno Unito

Tabella 1: limiti di velocità nel Regno Unito

Ricordate Il Tachimetro Europeo

È importante tenere a mente questi valori se si circola in Gran Bretagna a bordo della propria autovettura dotata di tachimetro “europeo”, perché non è proprio il massimo fare calcoli mentre si guida per capire se sia necessario frenare o meno.

Purtroppo però, anche noleggiando un veicolo britannico bisogna fare uno sforzo di memoria, in quanto molto raramente si incontrano segnali verticali indicanti il limite di velocità vigente su quella determinata strada. Nel Regno Unito si ritengono noti i limiti di velocità corrispondenti al tipo di strada che si sta percorrendo. Cartelli di questo genere si trovano, generalmente, solo su strade in cui il limite è diverso da quello “standard”. Le pene che si rischiano qualora si superino i limiti consentiti vanno dal semplice richiamo verbale alla possibilità di interdizione alla guida in tutta la Gran Bretagna. Passando naturalmente per sanzioni pecuniarie o un processo giudiziario con spese a carico del conducente.

Attenzione Alle Rotatorie

Oltre a rispettare i limiti di velocità, per una maggiore sicurezza sulle strade è importante fare attenzione alla circolazione all’interno delle rotatorie. All’interno di queste, il senso di marcia è sempre quello orario e la precedenza va data al veicolo che viene dalla propria destra. Quando si esce dalla rotatoria, è buona norma “mettere la freccia” a sinistra, in modo da informare gli altri automobilisti della propria decisione.

Altre circostanze in cui è di fondamentale importanza tenere alta la concentrazione sono quelle dove ci si va a immettere in strada dopo una sosta. La possibilità di agire secondo abitudine è molto alta, perciò si potrebbe correre il rischio di percorrere contromano un tratto di strada.

Queste sono solamente alcune delle indicazioni necessarie per guidare in maniera sicura sul suolo britannico, mentre per dettagli importanti riguardanti

  • segnaletica stradale
  • documenti e assicurazione del veicolo
  • noleggio di un’auto, pedaggi
  • rischi legali per guida in stato di ebbrezza o
  • usando un cellulare

Per ulteriori consigli per guidare in sicurezza (soprattutto a Londra). consigliamo di visitare il sito VisitBritainShop.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *