News

Italia progetta asfalto durevole: con il grafene strade indistruttibili

Lettura stimata: 2 minuti

Italia progetta asfalto durevole grazie all’innovazione di Iterchimica. L’azienda italiana propone l’impiego di grafene per costruire strade più solide e resistenti all’usura. Tutto è pronto per i primi test.

Italia progetta asfalto durevole: il manto stradale raddoppia anni di vita

Viaggiare su strade sicure ed ottimizzate nelle prestazioni è fondamentale per un Paese davvero sviluppato. Per questo la scoperta di Iterchimica è davvero di valore. L’eccellenza italiana esperta in prodotti per migliorare l’asfalto, ha annunciato le straordinarie proprietà del grafene.

Secondo gli ingegneri, il grafene è leggero, resistente, flessibile e sottile. Proprietà perfette per la costruzione di un nuovo asfalto, capace di durare integro 14 anni, il doppio della vita odierna. Il progetto, in collaborazione con il Politecnico di Milano, prevede l’utilizzo di un supermodificante ottenuto con additivi di grafene.

L’elevata resilienza di questo materiale creato artificialmente si traduce in un composto indistruttibile, se abbinato all’asfalto.

Iterchimica scommette sulla riuscita dell’innovativa scoperta. Ora occorre valutare i risultati dei test su pezzi di strada, realizzati con imprese, stazioni appaltanti e general contractor che vorranno dare fiducia al grafene.

Strade resistenti ed ecologiche

Italia progetta asfalto durevole e costruisce strade a basso impatto ambientale. L’ambizione dell’azienda Iterchimica, infatti, è di rivoluzionare completamente il concetto di costruzione stradale. Oltre alla scoperta del grafene per un asfalto di lunga vita, l’impresa ha già realizzato la prima pista ciclabile riciclata.

Si trova a Roma ed è una strada per biciclette costruita con asfalto composto da 100% di fresato riciclato da vecchio bitume.

Il futuro della viabilità su strada cambierà davvero? Iterchimica sta provando a combinare concretamente elevati standard nelle prestazioni e rispetto ecologico. Per viaggiare sicuri e con più responsabilità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *