News

Indagine su italiani e automobile: abitudini e desideri al volante

Lettura stimata: 2 minuti
Indagine su italiani e automobile - Anteprima Riparando

Indagine su italiani e automobile: scopri di più sull’ultimo rapporto 2018 emesso direttamente da Censis e Michelin.

Le quattro ruote restano le preferite per gli spostamenti e al centro dei desideri degli automobilisti resta la sicurezza.

Indagine su italiani e automobile: l’auto resta il mezzo più usato

Il 65,4% della popolazione alla guida non ha dubbi: è l’automobile il veicolo prescelto per viaggiare e spostarsi nella quotidianità. 27 milioni di automobilisti – circa il 17% in più rispetto al 2001 – affermano di usare soprattutto la propria vettura, sia nei giorni feriali che in quelli festivi.

 

Le distanze percorse ogni giorno sono diventate sempre più lunghe, facendo aumentare la categoria dei pendolari che percorrono tra i 10 e i 50 km e anche oltre. Questo spiega, in parte, la predilezione per il proprio mezzo rispetto ad autobus e treni. Inoltre, anche durante il tempo libero, cresce la percentuale di chi si muove con l’automobile per gite fuori porta o attività extralavorative, che rappresentano il 34,8% degli spostamenti.

Automobilisti italiani attenti su freni e pneumatici

L’indagine su italiani e automobile rivela, inoltre, una cosa fondamentale: la sicurezza al volante gode di altissima considerazione!

I componenti dell’auto che vengono maggiormente sottoposti a manutenzione sono i freni (controllati dal 71,7% degli automobilisti) e gli pneumatici (verificate nell’usura dal 64,7% degli italiani). Seguono l’olio del motore, le cinture, l’airbag, l’acqua del radiatore e le luci.

Questa continua ricerca di sicurezza alla guida da parte degli italiani si traduce nella poca fiducia verso la guida autonoma. Secondo l’indagine, infatti, il 47,8% degli intervistati si dice contrario all’automobile senza guidatore contro il 30,4% favorevole.

Per approfondire

  • “In automobile la voglia di sicurezza vince su tutto”, Censis-Michelin
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *