News

Come usare il cellulare in auto secondo il Codice della Strada

Lettura stimata: 2 minuti
Come usare il cellulare in auto Anteprima - Riparando

Come usare il cellulare in auto: il Codice della Strada è chiaro nel definire le modalità d’impiego dello smartphone alla guida. Oltre a prudenza e buon senso, segui attentamente le disposizioni di legge. Scopri quali sono.

Sempre più incidenti in Italia sono causati da distrazioni dovute all’utilizzo di smartphone alla guida. Un comportamento che rischia di mettere in pericolo la propria vita e quella degli altri.

Come usare il cellulare in auto in sicurezza: sì a vivavoce e auricolari

La distrazione causata dal mobile aumenta di ben 23 volte la possibilità di incidenti.

I telefoni cellulare touchscreen sono diventati degli strumenti pericolosi se maneggiati mentre si è al volante. Molto alto risulta il tasso di distrazione mentre si risponde a chiamate e messsaggi in chat.

Cosa fare per mantenere la giusta sicurezza sulla strada? Rispettare le regole su come usare il cellulare in auto è fondamentale.

Il Codice della Strada, nell’articolo 173, stabilisce che:

  • si può utilizzare il vivavoce
  • è possibile telefonare tramite auricolari

Nello specifico:

  • si deve indossare un solo auricolare ad un orecchio

In questo modo l’automobilista non viene isolato completamente dall’ambiente esterno e resta vigile.

Il consiglio è di indossare le cuffie già prima di partire, così da evitare movimenti e distrazioni mentre si è in marcia.

Come usare il cellulare in auto - Riparando

Occhio alle multe

Conoscere le regole su come usare il cellulare in auto non solo può salvare la vita, ma evita pesanti multe. Se si viene colti in flagrante mentre si telefona senza auricolari o vivavoce, infatti, scattano le sanzioni:

  • multe da 161 a 646 euro
  • riduzione di 5 punti dalla patente
  • sospensione della patente se si ripete la stessa violazione entro 2 anni

Per approfondire:

Articolo 173 del Codice della Strada

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *