Diagnosi

Rischio rottura motore su Renault Scénic III X-Mod

Lettura stimata: 4 minuti
Rischio rottura motore su Renault Scénic III X-Mod

Rischio rottura motore su Renault Scénic III? L’accensione di una spia sul quadro strumenti della propria auto non è di certo una situazione piacevole per nessun automobilista. Se poi, insieme alla spia, sul display appare il messaggio “possibile rottura motore – fermare il veicolo subito”, la preoccupazione può salire con una certa celerità. Non necessariamente, per fortuna, la causa di queste segnalazioni è così grave. Ma andiamo con ordine.

“Rischio rottura motore” su Renault Scenic III

Quanto appena descritto si è verificato su una

Renault Scenic III in versione X-Mod con motore 1.5 dCi, codice K9K.

La vettura in questione non presentava particolari sintomatologie di guasto. Risultava però accesa la spia MIL (Malfunction Indicator Lamp) e, contemporaneamente, appariva sul display la scritta “Rischio rottura motore”.

Diagnosi e codici guasto

Collegando uno strumento di diagnosi, si sono ottenuti i codici guasto seguenti:

  • P0380 – Collegamento diagnosi modulo di preriscaldamento
  • P2002 – Efficienza filtro particolato diesel

Stando alle descrizioni riportate dallo strumento, i due guasti non sembrerebbero avere una causa comune, in quanto uno legato alle candelette e l’altro al sistema antinquinamento.

Verrebbe quasi naturale tentare di risolverli separatamente, prima l’uno e poi l’altro, ma in realtà non è la considerazione più giusta da fare. Vediamo perché.

Modulo di preriscaldamento motore

Il modulo di preriscaldamento motore è la cosiddetta centralina candelette e ha la funzione principale di ridurre la tempistica necessaria a un motore diesel per entrare in temperatura, oltre ad altre importanti funzionalità legate all’ottimizzazione della combustione e alle strategie di post trattamento dei gas di scarico.

Sulla vettura presa in esame, questo modulo trova posto nel vano motore, lato conducente, fissato sulla calandra anteriore del radiatore.

Renault Scenic III X-Mod - ubicazione modulo di preriscaldamento

Renault Scenic III X-Mod - dettaglio modulo di preriscaldamento

Delle candelette e della loro evoluzione abbiamo già parlato in altri articoli (trovi i link in calce), ma potrebbe essere importante sottolineare, come ricordato poco prima, che il loro ruolo non è soltanto quello di scaldare rapidamente il motore.

Renault Scenic III X-Mod - dettaglio ubicazione candeletta di preriscaldamento

Un’altra finalità per cui le candelette vengono installate su di un motore ad accensione spontanea è sempre legata a un innalzamento della temperatura, ma questa volta dei gas di scarico.

A cosa serve aumentare la temperatura dei gas di scarico?

A ottenere una buona rigenerazione del particolato accumulato all’interno dell’apposito filtro.

In pratica, le particelle di particolato intrappolate nel DPF bruciano e reagiscono, trasformandosi in sostanze non dannose, solamente al raggiungimento di determinate temperature. Queste possono variare da circa 450 °C per i sistemi che prevedono l’utilizzo di un carburante appositamente additivato (con la cosiddetta “cerina”, per intenderci), fino ai 650 °C per i sistemi senza additivo.

Ecco perché i due codici sono uno conseguenza dell’altro

Perciò i codici guasto P0380 e P2002, erroneamente considerati in maniera separata, sono legati in maniera indissolubile. Anzi, l’errore riguardante l’efficienza del filtro particolato è una diretta conseguenza di un malfunzionamento al sistema di preriscaldamento.

Un guasto alle candelette potrebbe causare un mancato mantenimento della temperatura di rigenerazione e l’interruzione del processo di pulizia del filtro particolato.

Andandole infatti a controllare con un multimetro impostato in Ohm, si può riscontrare che una delle candelette risulta bruciata.

Candeletta di preriscaldamento

Rischio rottura motore? No, sostituzione della candeletta!

La soluzione inevitabile è quella di sostituire la candeletta interrotta con un componente nuovo, azzerare i codici guasto ed eseguire un ciclo di guida di prova.

 

Approfondisci con:

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *