Diagnosi

Motorino di avviamento Classe C: ecco cosa fare quando non va

Lettura stimata: 4 minuti
Motorino di avviamento Classe C ecco cosa fare quando non va

Motorino di avviamento Classe C Mercedes: scopri nella nostra guida quali procedure attuare quando sembra non andare in fase di diagnosi.

Problemi e avarie al sistema di scarico di un moderno diesel sono all’ordine del giorno:

  • Filtri DPF e FAP che si intasano con facilità
  • sonde temperatura e sensori vari che si guastano

Le conseguenze di tali problematiche sono sempre le stesse:

  • Vettura con scarse prestazioni
  • cattiva combustione
  • e, in alcuni casi: rottura del motore.

Naturalmente, tutto ciò è accompagnato solitamente da errori in diagnosi riguardanti il sistema di scarico.

Se la diagnosi presenta errori al sistema di scarico

Anche se il quadro della situazione sembra essere chiaro, e i codici guasto rilevati in diagnosi motore risultano evidenti, a volte la situazione non è affatto definita.

È quanto può accadere su una Classe C Mercedes (modello W204), motorizzata con il 2.2 diesel (cod. mot. 651.913).

Problematica riscontrata

L’auto rimane in panne, senza la possibilità di avviare il motore, e dalla memoria guasti della centralina si ricavano i seguenti codici:

  • P244B: pressione differenziale filtro antiparticolato
  • P2455: sensore pressione filtro particolato diesel
  • P2463: filtro del particolato, carica fuliggine eccessiva.

È importante sottolineare che tutti gli errori possono essere cancellati ma ricompaiono a una successiva accensione del quadro.

Fuori uso del relè del motorino di avviamento

Il fermo vettura è inoltre particolarmente gravoso in quanto:

Il mancato avviamento motore è accompagnato da un fuori uso del relè del motorino.

Di cui non si riesce a sentire il consueto ticchettio, e che quindi provoca l’esclusione completa del motorino di avviamento.

Ciò appena descritto è alquanto singolare in relazione alla presenza in diagnosi degli errori specificati:

Un grado di occlusione eccessivo del filtro DPF può provocare mancati avviamenti, ma solo in rarissimi casi può anche inibire il tentativo di rotazione dello starter.

È chiaro che si è in presenza di ulteriori problematiche oltre quelle riguardanti il sistema di trattamento dei gas di scarico.

La diagnosi non viene facilitata dalla condizione di fermo vettura totale, in quanto tale condizione non permette il controllo dei principali parametri del sistema DPF.

A maggior ragione, ciò induce a far affidamento ai soli codici guasto rilevati in diagnosi, e quindi a cercare erroneamente soluzioni nell’ambito del circuito dei gas esausti.

Ecco a cosa prestare attenzione

In questo caso particolare, si deve invece controllare il buono stato del relè e del fusibile della linea di azionamento del motorino di avviamento, posizionati sulla centralina SAM anteriore della vettura (lato guida vano motore):

Motorino di avviamento Classe C piastra fusibili e relè vano motore

Trattasi del relè verde (situato più o meno al centro del box) e del fusibile giallo da 20 A, indicati nella successiva figura:

Motorino di avviamento Classe C rele e fusibile del +50

Con buona probabilità il relè e il relativo fusibile del +50 verranno trovati bruciati.

Cause e soluzione individuata

Il guasto dei due elementi è provocato dal corto circuito proprio del motorino di avviamento. Infatti se si sostituisce il fusibile e si prova a “ponticellare” elettricamente il +30 e l’uscita 87 del relè, il motore riesce nella rotazione ma il fusibile salta immediatamente.

Il corto del motorino provoca il danneggiamento di relè e fusibile, ma questa anomalia elettrica è tale da scompensare elettronicamente la centralina motore fino a tal punto da farle generare dei codici guasto inerenti il filtro DPF, che invece risulta essere integro.

La diagnosi che si va a effettuare in base ai codici guasto trovati è per forza di cose fuorviata da queste condizioni falsate.

È naturale che il problema venga risolto sostituendo il motorino di avviamento.

Motorino di avviamento Classe C

6 commenti
  1. Paolo
    Paolo dice:

    Molto interessante,anche se questo difetto l’ho già individuato un po’ di anni fa. Ok fa sempre piacere ricevere Delle informazioni 👍

    Rispondi
    • Redazione
      Redazione dice:

      Ciao Paolo, grazie, è sempre un piacere ricevere commenti da colleghi 👍 Se ti andasse di migliorare il nostro approfondimento o avessi suggerimenti, inviaci qui un tuo commento tecnico e lo leggeremo con interesse. Un saluto dalla Redazione 🙂

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *