News Tecnica auto Training

Motori “sempre quelli” con sistemi d’iniezione “rivisitati”. Fiat 500L, un avviamento fin troppo suscettibile.

Lettura stimata: 4 minuti

L’avvicendarsi delle normative EURO in campo automotive è sinonimo di una sempre maggior attenzione delle case auto verso i problemi ambientali.

Per chi segue il mercato delle auto è facile imbattersi in vetture nuove equipaggiate però con motori identici ai modelli precedenti o, più comunemente, con motori uguali i cui sistemi d’iniezione sono stati rivisitati, raffinati, aggiornati.

Non fa eccezione il conosciutissimo 1.3 multijet, di cui verrà argomentato in questa analisi.

Proprio questa motorizzazione, che vide la luce nei primi anni duemila, è stata oggetto di migliorie e modifiche sul piano sia meccanico, ma soprattutto elettronico.

Il sistema di alimentazione di tipo common rail prevede su questi motori, in linea di massima, un regolatore di pressione posto sulla pompa d’alta pressione (esistono versioni in cui il regolatore si trovava sul rail) e un sensore di pressione gasolio, posto invece sul rail iniettori .

La logica di controllo della centralina iniezione, targata Marelli, opera in modo tale che in caso di regolatore di pressione scollegato (o guasto) il motore non riesca ad avviarsi.

In particolare, l’avviamento da parte del motorino avviene, quindi il motore gira, ma la messa in moto non può aversi poichè il regolatore di pressione internamente ha sì una molla che mantiene l’otturatore chiuso, evitando lo sfogo della pressione interna al rail, ma tale molla è tarata in modo da assicurare una pressione rail non maggiore di 40/50 bar. Una pressione simile è ben lontana dai 180/200 bar minimi necessari alla messa in moto di un motore common rail.

Se invece il regolatore fosse collegato, la centralina motore mediante un comando in duty cycle obbligherebbe il regolatore a mantenersi chiuso, provocando l’innalzamento della pressione gasolio all’interno del rail, permettendo quindi la messa in moto.

Regolatore di pressione

Regolatore di pressione

Riassumendo, vien da se quindi che se il regolatore di pressione è elettricamente scollegato, o guasto, il motorino fa l’avviamento e il motore gira, senza però potersi avviare.

Questa logica di impedimento dell’avviamento in caso di guasto elettrico al regolatore, è stata fino ad oggi più o meno nota agli addetti ai lavori, ma qualcosa ultimamente è cambiato.

Se sulle precedenti versioni, col regolatore di pressione guasto l’avviamento del motorino avveniva, adesso sulle ultime versioni (EURO5+), in caso di guasto elettrico o di circuito aperto sul regolatore non si ha nemmeno il consenso all’avviamento.

È quanto accade sul veicolo su quale si è effettuata la prova:

 

Modello                            FIAT 500L

Motorizzazione                  1.3 MJ 16v

Potenza                           85 CV

Codice motore                  199B4000

Anno                               2014

Chilometri                        18.350

Fiat 500L

Fiat 500L

Vano motore Fiat 500L 1.3 mj

Vano motore Fiat 500L 1.3 mj

Questo ci porta a considerare quanto segue: in caso di guasto elettrico che interessi il regolatore di pressione o il relativo cablaggio, si corre il rischio di venir fuorviati, in quanto indotti a concentrarsi su componenti non direttamente connessi alla messa in moto del motore, quali ad esempio batteria, motorino d’avviamento, relè d’avviamento, piastra fusibili, etc…

 

In figura è mostrato il dettaglio della centralina d’iniezione sulla vettura in oggetto.

Vano motore Fiat 500L 13 mj, dettagli centralina iniezione

Vano motore Fiat 500L 1.3 mj, dettagli centralina iniezione

Per quanto attiene al regolatore di pressione, è rintracciabile sulla pompa d’iniezione, come raffigurato.

Pompa alta pressione, dettaglio regolatore di pressione

Pompa alta pressione, dettaglio regolatore di pressione

In ultimo, si porta a conoscenza che lo stesso comportamento riportato per il regolatore di pressione si ha anche per quanto riguarda il sensore di pressione rail: se guasto non si ha il consenso all’avviamento.

Sensore pressione rail

Sensore pressione rail

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *